martedì 16 gennaio 2018

Bruno Venica - "Pignolo"

Un mio amico di Trieste, Fabio, mi ha fatto un graditissimo omaggio, una bottiglia di Pignolo dell'Azienda Bruno Venica annata 2012. Ho aspettato il momento giusto per degustarla e finalmente si è presentata l'occasione che aspettavo.

Risultati immagini per pignolo vie d'alt

Il Pignolo è un vitigno autoctono a bacca rossa di antiche origini Friulane conosciuto già nel Medioevo e diffuso nelle campagne intorno ad Udine. Sembra che il nome derivi da "pigna" per via della forma del grappolo così compatto da sembrare una pigna. Sono molti i vitigni il cui nome ha la radice "pign-" e spesso vengono confusi fra loro, il Pignolo è solo Friulano e origiariamente era molto diffuso sulle colline che fiancheggiano la storica Abbazia di Rosazzo

Risultati immagini per abbazia rosazzo 

Le prime notizie su questo vitigno risalgono al 1300-1400, allora era molto conosciuto e coltivato, in seguito fu abbandonato a favore di varietà internazionali più produttive, tanto da scompaire dalla maggior parte dei  testi di ampelografia del '800.


Nel 1978 Walter Filiputti osservando dei vecchi ceppi dei vite addossati sul muro dell' Abbazia di Rosazzo capì che si trattava del Pignolo, allora decise di sacrificare un piccolo vigneto di Tocai innestandoci il vitigno riscoperto e quindi favorendone la rinascita anche se solo nel 1995 entro nel disciplinare Colli Orientali del Friuli D.O.C..

Secondo quanto riportato dal sito del produttore si tratta di Pignolo al 100% (85% minimo secondo il disciplinare) allevato utilizzando il Guyot come forma di allevamento. Le uve, pigiate e diraspate, vengono poste nelle vasche di macerazione per la fermentazione alcolica (24-27°C). La macerazione prosegue poi per un periodo di 8-10 giorni, durante i quali vengono alternate pratiche di rimontaggio, follature e delestage. Alla svinatura il vino viene posto a maturare in botti da 20 hl di rovere per un periodo di circa 12 mesi a seconda delle annate, successivamente si affina in inox fino all'imbottigliamento.

Il produttore, appositamente contattato, ha confermato svolge la fermentazione malolattica.

Il colore è un bel rosso rubino particolarmente intenso, con dei riflessi granato. Al naso presenta dei sentori di frutta rossa e delle leggere note speziate. In bocca è importante, austero, equilibrato con una tannicità piacevolmente decisa.

Gradazione alcolica: 13% - Acidità: 5,7g/l

Abbinamento consigliato: Formaggi importanti, salumi e cacciagione.

Temperatura di servizio consigliata: 17-18°C

Davvero un ottimo vino! Ha tutte le carte in regola per maturare riposando in cantina per qualche anno.

Vie D'Alt
Pignolo
Colli Orientali del Friuli D.O.C.
Az. Agr. Bruno Venica – Prepotto (UD)

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.