venerdì 1 novembre 2019

Osteria Lisca - Mestre

A venezia si parla tanto di cicchetti ma trovare un posto che li prepari alla perfezione e con ingredienti di qualità non è un impresa facile specialmente a Mestre. Qui' si può andare a colpo sicuro all'Osteria Lisca che, oltre a proporre i cicchetti, propone molti piatti interessanti.


Fra i secondi vanno assolutamente provate le seppioline con la polenta.


I piatti si presentano molto bene.

Il conto è nella media.

Osteria Lisca
Viale Giuseppe Garibaldi, 6
Mestre (VE)

Frasi, citazioni e aforismi sul whisky

Se non posso bere whisky e fumare sigari in Paradiso, allora non ci voglio andare.
(Mark Twain)

Amo il whisky vecchio e le donne giovani.
(Errol Flynn)

Mio Dio, tanto mi piace bere Scotch che a volte penso che il mio nome sia Igor Stra-whisky.
(Igor Stavinsky)

Ci sono due cose che un Highlander ama nude e pure, e una di queste è il whisky
(Detto Scozzese)

Il segreto della longevità? Niente sport, solo whisky e sigari.
(Winston Churchill)


Mai rimandare di baciare una bella ragazza od aprire una bottiglia di whisky.
(Ernest Hemingway)

Il whisky non fa domande noiose. Il whisky comprende.
(Anonimo)

Il whisky è una luce solare liquida.
(George Bernard Shaw)

E poi ci troveremo come le star a bere del whisky al Roxy bar o forse non ci incontreremo mai ognuno a rincorrere i suoi guai ognuno col suo viaggio ognuno diverso e ognuno in fondo perso dentro i fatti suoi.
(Vasco Rossi)

Voglio vivere fino a 150 anni, e il giorno in cui muoio voglio avere una sigaretta in una mano e un bicchiere di whisky nell’altra.
(Ava Gardner)

mercoledì 30 ottobre 2019

Il vino - Omero


Il vino

Il vino mi spinge
il vino folle
che fa cantare anche l’uomo più saggio
e lo fa ridere mollemente
e lo costringe a danzare
e tira fuori la parola
che sta meglio non detta

Omero

Sicilia Ruffiana - Catania

In Italia, mediamente, si mangia bene ovunque, ma se c'è una regione che fra tutte davvero si distingue è la Sicilia. In questa regione la cucina si estende su un panorama sterminato che rispecchia quella stratificazione di culture che nei secoli hanno dominato il suo territorio.

Catania è davvero una bella città, interessante ed accogliente, ricca di cultura e tradizioni che in questi ultimi anni è cambiata diventando una meta turistica di prim'ordine. Il centro storico, purtroppo, si è popolato di tanti ristoranti prettamente turistici che qualsiasi appassionato di cucina sa riconoscere a prima vista ed evitare.

Allontanandosi dalla centralissima via Etnea e raggiungendo la zona del Tribunale si può trovare un ristorantino davvero interessante. Uno di quei locali che da fuori non risultano particolarmente attraenti ma che si dimostrano immediatamente interessanti una volta varcata la loro soglia.

Il ristorante in questione è Catania Ruffiana. L'ambiente è semplice, informale ed il personale particolarmente attento e premuroso.

L'antipasto misto è un susseguirsi di emozioni! Un arcobaleno di profumi e di sapori che solo gli ingredienti semplici e di qualità sanno trasmettere.




Fra i secondi è quasi d'obbligo provare il tonno con le cipolla, è incredibile come due ingredienti così diversi possano convivere senza che uno sovrasti l'altro. A volte si ha quasi l'impressione che prevarichi la cipolla ma un attimo dopo si impone deciso il tonno, sembra quasi una sfida senza fine a braccio di ferro.


Anche i dolci sono particolarmente invitanti e si presentano molto bene come, ad esempio, la delizia al pistacchio con cioccolato.


Il Sommelier, il Sig. Marco, parla di vino con passione e competenza, senza mettesi mai in cattedra. Con quel fare austero e gentile tipico dei siciliani sa sempre consigliare il vino giusto per ogni piatto.



Quindi, concludendo, non si può andare a Catania senza provare Catania Ruffiana.

Il conto? incredibilmente onesto!

Catania Ruffiana
Via Aloi, 50
Catania 

Elogio della fuga - Henri Laborit

Un interessante libro scritto da Henri Laborit, medico, biologo e filosofo francese.

Quando non può lottare contro il vento e il mare per seguire la sua rotta, il veliero ha due possibilità: l'andatura di cappa che lo fa andare alla deriva, e la fuga davanti alla tempesta con il mare in poppa e un minimo di tela. La fuga è spesso, quando si è lontani dalla costa, il solo modo di salvare barca ed equipaggio. E in più permette di scoprire rive sconosciute che spuntano all'orizzonte delle acque tornate calme. Rive sconosciute che saranno per sempre ignorate da coloro che hanno l'illusoria fortuna di poter seguire la rotta dei carghi e delle petroliere, la rotta senza imprevisti imposta dalle compagnie di navigazione. Forse conoscete quella barca che si  chiama desiderio.


Un libro che meritata di essere studiato, non semplicemente letto!

lunedì 28 ottobre 2019

La fretta - Trilussa

Bellissima! Ascoltatela con attenzione.



La fretta

Se stà a fà sera e n’antra giornata de lavoro se n’è annata:
c’ho l’ossa tutte rotte, la capoccia frastornata.
Cammino senza prescia, tanto, che devo fa?
Si torno a casa me tocca pure sfacchinà!
Sur viale del tramonto me fa l’occhietto er sole,
e dopo nà giornata a dà i resti a chi li vole,
l’osservo m’bambolato, come fosse, nà visione.
Me fermo lì a guardallo, ma chi l’avrà inventato?

È bello forte, nun l’avevo mai notato!
Sempre a combatte, sempre appresso a tutti i guai,
splende splende, ma nun m’o godo mai.
È robba che co quell’aria bonacciona e rassicurante,
riuscirebbe a fà sentì amico ogni viandante.
Stà palla arancione m’ha messo pure arsura, ma, ahò!
Nun so mica nà monaca de clausura!
E allora ò sai che nova c’è? Io nun c’ho più fretta
e me butto drent’ai meandri dè nà fraschetta.
Con le zampe sotto ar tavolino,
e in compagnia dè n’ber fiasco de vino,
me guardo intorno soddisfatto,
finalmente ho smesso de sbrigamme come un matto!
E mentre er Cannellino m’arriva ar gargarozzo
Rido cò n’amico e ordino nantro litrozzo.
La vista me se annebbia ma non la mia coscienza
che se mette a riflette sull’umana esistenza:
a che serve stà sempre a core pè tutte le raggioni
si so quasi sempre rotture dè cojoni!

Trilussa

A bona famija - Giuseppe Gioachino Belli

A bona famija

Mi' nonna, a un'or de notte che viè ttata
Se leva da filà, povera vecchia,
Attizza un carboncello, ciapparecchia,
E maggnamo du' fronne d'inzalata.

Quarche vorta se famo una frittata,
Che ssi la metti ar lume ce se specchia
Come fussi a ttraverzo d'un'orecchia:
Quattro noce, e la cena è terminata.

Poi ner mentre ch'io, tata e Crementina
Seguitamo un par d'ora de sgoccetto,
Lei sparecchia e arissetta la cucina.

E appena visto er fonno ar bucaletto,
'Na pisciatina, 'na sarvereggina,
E, in zanta pace, ce n'annamo a letto.

Roma, 28 novembre 1831

Giuseppe Gioacchino Belli (1791 -1863)


Traduzione in italiano

Mia nonna, a un'ora di notte quando viene papà,
Si alza dal filare, povera vecchia,
Attizza un piccolo carbone, apparecchia per noi,
E mangiamo due foglie d'insalata.

Qualche volta ci facciamo una frittata,
Che se la metti alla luce è trasparente
Come guardando attraverso un'orecchia:
Quattro noci, e la cena è terminata.

Poi mentre io, papà e Clementina
Seguitiamo per un paio d'ore a bevicchiare,
Lei sparecchia e rassetta la cucina.

E appena visto il fondo al boccaletto,
Una minzione, una 'Salve Regina',
E, in santa pace, ce ne andiamo a letto.

Moro - Mestre

Il ristorante Moro è un ottimo ristorante di Mestre, l'ingresso è un po' defilato su una traversa di Piave, tanto che può accadere di passarci davanti senza notarlo. Gli interni richiamano uno stile anni '80, forse un po' vintage ma non per questo decadenti.

Il Sig. Lino, il titolare, è un signore apparentemente di poche parole che quando parla di cucina e di vino si illumina trasmettendo tutta la sua passione.

La specialità del Sig. Lino è la tartare, la prepara direttamente al tavolo con abilità e scioltezza, tanto da ricordare Monsieur Tartare di Padova.




Ottima la zuppa di funghi porcini, per non parlare delle fettuccine ai funghi porcini!



Fra i piatti tipici bisogna assolutamente provare il fegato alla veneziana con la polenta.


Anche i dolci sono interessanti e sempre abbinati con il vino giusto!



Compimenti Sig. Lino!

Moro
Via Piave, 192
Mestre (VE)

Grill House - Fiuggi

Chi non è vegetariano o vegano ed apprezza la buona carne, se si trova di passaggio a Fiuggi, deve assolutamente andare alla Grill House.

Si tratta di una macelleria, non lontano dal centro, dove si può anche mangiare. Il posto è accogliente ed il servizio è molto semplice, le tovaglie sono di carta, i piatti e i bicchieri sono di plastica. Tuttavia questi aspetti vengono messi immediatamente in secondo piano dalla qualità della carne.

Il macellaio, Angelo, è un vero artista, basta osservare con quale maestria e precisione si muove dietro al bancone.


Ottima la bistecca di scottona!


Per non parlare poi degli hamburger dal peso di 500g con sopra formaggio e speak oppure pancetta!


Un buon Cesanese leggermente fresco si abbina alla perfezione a questi piatti.


Il conto è incredibilmente leggero!


Grill House

Via Valicelle, 81
Fiuggi (FR) 

sabato 11 maggio 2019

Straziami ma di baci saziami

Uno dei film che descrive un'Italia che, purtroppo non esiste più, è "Straziami ma di baci saziami", una commedia del 1968 diretta dal grande regista Dino Risi.

E' la storia di Balestrini Marino, barbiere di Alatri e della bella operaia Marchigiana Marisa Di Giovanni. Balestrini Marino è interpretato dal grandissimo Nino Manfredi e Marisa Di Giovanni da Pamela Tiffin.


Indimenticabile la scena del vino con Gigi Ballista nel ruolo dell'ingegnere sommelier!


E che dire di di Ugo Tognazzi che ordina i caffè?


La colonna sonora è del grande Maestro Armando Trovajoli.


Un film a cui abbinare un  buon Verdicchio dei Castelli di Jesi Metodo Classico Brut Riserva.

Buona visione!

domenica 5 maggio 2019

Muhle R89

Una delle cose più utili nella vita di un uomo è un buon rasoio double edge, detto anche rasoio di sicurezza. Chi lo prova scopre che il consueto appuntamento mattutino con la rasatura si magicamente trasformato da un dovere ad un piacere. Dopo di che, vedendo qualcuno che nel carrello della spesa ha una di quelle costosissime confezione di lamette bilama, trilama e via dicendo inorridisce ed oltre a pensare a quanti soldi buttati pensa anche a quale piacere si sta rinunciando.

Un ottimo rasoio è il Muhle R89. La Muhle è una marca molto famosa di rasoi e accessori da barba particolarmente apprezzata per la qualità dei suoi prodotti.


Il Muhle R89 è composto da tre parti cromate e molto rifinite: una costituisce l'impugnatura e due la testina. L'impugnatura garantisce un'ottima presa anche con le mani bagnate. La testina non è particolarmente aggressiva nei confronti della pelle. L'aggressività normalmente dipende da diversi fattori fra cui la sporgenza della lama e la distribuzione del peso fra l'impugnatura e la testina.

Nell'utilizzo questo rasoio risulta molto equilibrato e basta farlo scorrere sulla pelle senza esercitare una particolare pressione per ottenere una rasatura perfetta. Si possono effettuare tre passaggi ognuno preceduto da un'accurata insaponatura: il primo verticalmente dall'alto verso il basso, il secondo sempre dall'alto verso il basso ma con un'inclinazione di 45° ed il terzo dal basso verso l'alto.

Buone rasature! 

domenica 6 gennaio 2019

Romeo y Julieta Piramides Anejados

Romeo y Julieta è una delle marche di sigari cubani più famose al mondo. Fu fondata nel 1875 da Inocenzo Alvarez e Josè Manin Garcìa e nel 1903 venne rilevata dallo spagnolo Josè Rodriguez, detto Don Pepin, considerato allora il più grande esperto e venditore di avana nel mondo, grazie al quale conquisto una fama a livello mondiale. Si racconta che Don Pepin provò più volte ad acquistare il palazzo dei Capuleti a Verona.


A metà dell'Ottocento quasi la maggior parte della popolazione cubana era analfabeta ed i sigarai stessi, i torceadores, non avevano imparato altro che ad arrotolare i sigari seduti per molte ore durante il giorno. Fu allora che si penso ad una diffusione della cultura nelle fabbriche di sigari dando inizio, nel 1866, ad una tradizione che in molti casi resiste ancora oggi. Fra gli stessi sigarai venivano scelti dei lettori in base al loro tono di voce, alla pronuncia e alla capacità di recitazione che avevano il compito di leggere delle opere ai torceaderos al lavoro. Questi potevano esprimere il loro apprezzamento non battendo le mani ma colpendo con il coltello il tagliere su cui arrotolavano i sigari. Fra le opere più apprezzate risultavano Il Conte di Montecristo di Dumas e Romeo y Julieta di William Shakespeare, tanto che questi nomi sono diventati anche quelli di alcune fra le più importanti marche di sigari.

Sir Wiston Churcill era una grande appassionato di sigari cubani, in particolare dei Romeo y Julieta. Giunto a Cuba all'età di 21 anni come corrispondente di guerra per assistere alla lotta d'indipendenza dell'isola caraibica dalla Spagna. In questa occasione scoprì i sigari cubani da cui non si separò più per tutta la vita, si racconta che avesse una riserva di oltre tremila e che ne fumasse una decina al giorno! A lui è dedicata la vitola, Churchill, che indica un sigaro di lunghezza di 178 mm e diametro di 18,65 mm. Il Romeo y Julieta Churchill è un sigaro particolarmente rinomato.


Un ottimo Romeo y Julieta è il Piramides Anejados. Il temine Piramides indica la vitola, cioè la dimensione del sigaro che in questo caso ha una lunghezza di 152 mm ed un cepo di 52 pari a ad un diametro di 20,6 mm. 

La forma di questo sigaro è caratterizzata dall'estremità che si porta alla bocca a forma di cono e ciò comporta che il punto in cui si effettua il taglio determini l'ampiezza della sezione aperta e quindi l'intensità del fumo che si percepisce.


Alla vista questo sigaro appare ben fatto, senza il minimo difetto sulla capa che al tatto risulta liscia e setosa, trasmettendo una piacevole sensazione.

Prima di accenderlo, come si dice a crudo, si percepisce un piacevole sentore caratterizzato da note balsamiche e di legno. 

L'accensione è perfetta e la combustione regolare. Si percepisce immediatamente la sua forza, tuttavia è facilmente domabile con il giusto ritmo della fumata, caratterizzata da sentori speziati e da note vegetali.

Complessivamente la fumata è durata poco più di un'ora.

Una volta tutti i sigari prodotti a Cuba venivano fatti affinare per un certo periodo di tempo prima di essere messi in commercio. Attualmente non è più sempre così e nella maggior parte dei casi è indiscutibile che un periodo di riposo nel proprio humidor ne migliori le qualità. Questo sigaro fa eccezione in quanto è stato fatto affinare a Cuba per un periodo compreso fra 5 e 8 anni. Infatti, il termine anejados significa anziano e ne indica l'invecchiamento. 

Buone fumate!