domenica 30 giugno 2019

Vino: "Viognier"

Il Viognier è un vitigno a bacca bianca la cui origine è incerta. Si narra che sia di origine dalmata e che sia stato importato in Francia dall'imperatore Marco Aurelio Probo. Recenti studi sul DNA hanno dimostrato la sua vicinanza ad un vitigno originario del Piemonte, la Freisa a sua volta geneticamente imparentato con il Nebbiolo.



In seguito alla diffusione della fillossera le coltivazioni di questo vitigno scomparvero quasi completamente, al punto che nel 1965 esistevano sono 8 ha in Francia presso Condrieu nella Valle del Rodano. Qui, grazie alla tenacia di alcuni vignaioli il Viognier è tornato ad essere un vitigno importante e diffuso.

Fra le sue caratteristiche principali ci sono: la capacità di resistere alla siccità, la sensibilità all'oidio ed una bassa produttività. Un'altra caratteristica importante dei Viognier è la sua persistenza aromatica, che o fa inserire nella famiglia dei vitigni aromatici, più o meno accentuata in funzione del suolo e del clima.

Il Viognier pur essendo a volte proposto in purezza, nella maggior parte dei casi viene assemblato con altri vitigni.

I vini a base di Viognier  sono caratterizzati spesso da profumi di agrumi, ananas e frutti esotici e da un'acidità contenuta.

Chateau Auzias, prodotto in Linguadoca (Carcassonne IGP) è un assemblaggio con 60% Chardonnay e 40% Viognier. Si tratta di un vino particolarmente piacevole, persistente ma non troppo aggressivo da abbinare, ad esempio, ad un risotto alla crema si scampi.




Jardin De Charmes - Alma Cersius, anche lui prodotto in Linguadoca (Coteaux de Béziers IGP), è un assemblaggio di Viognier e Grenache. Un vino elegante e deciso che si abbina bene con un antipasto importante come un cocktail di gamberi.




Entrambi i vini sono facilmente reperibili su Vinatis ad un prezzo contenuto.

venerdì 28 giugno 2019

Vino: "Crémant"

Il termine Crémant ha cambiato nel tempo il suo significato creando non poca confusione, cerchiamo di fare chiarezza.


Fino a qualche anno fa con Crémant si indicava un qualsiasi vino spumante prodotto mediante rifermentazione in bottiglia e caratterizzato da una pressione compresa fra 3,5 e 4,5 atmosfere, quindi più bassa di quella tipica pari a 6 - 6,5 atmosfere. Con lo stesso significato oggi si utilizza il temine Satèn, registrato dal Consorzio del Franciacortaper indicare quei Franciacorta con una pressione in bottiglia fino a 5 atmosfere.


Attualmente con Crémant si intende un vino bianco o rosato ottenuto con rifermentazione in bottiglia a cui segue un affinamento sui lieviti di 9 mesi ed un'uscita in commercio dopo almeno 12 mesi dal tirage, prodotto in Francia al di fuori della zona dello Champagne ma anche in Lussemburgo e Vallonia. Le zone della Francia sono: Alsazia, Bordeaux, Borgogna, Die, Jura, Limoux, Loira e Savoia.

Il disciplinare (Regolamento CE 607/2009) prevede che le uve siano vendemmiate a mano; il vino deve essere prodotto con mosto ottenuto dalla pressatura di grappoli interi o diraspati; la quantità di mosto non deve superare 100 litri per 150 Kg di uva; il tenore massimo di anidride solforosa non deve superare i 150 mg/l; la pressione in bottiglia non deve essere inferiore alle 5 atmosfere.
Il termine Crémant deve essere indicato in etichetta insieme al nome dell'area geografica.

I vitigni autorizzati variano in base alla zona di produzione.

Un ottimo vino è il Crémant De Bourgogne - La Chablisienne reperibile ad un prezzo molto conveniente su Vinatis. Come previsto dal suo disciplinare viene prodotto esclusivamente con li Chardonnay.



Colore giallo dorato, perlage fine e persistente. Profumi di crosta di pane e agrumi. In bocca si apprezza una piacevole acidità accompagnata da una buona persistenza. Ottimo l'abbinamento con piatti di pesce abbastanza elaborati e con crostacei. Provatelo con dei tagliolini all'astice! Ideale anche come aperitivo.